Yuma 4×4

Media and Communications

3 motivi per cui le campagne Google Ads per i video falliscono

3 motivi per cui le campagne Google Ads per i video falliscono


Ogni tanto qualcuno mi scrive, magari dopo
aver visto un mio video e mi dice: Paolo, io ho provato ad usare Google Ads per promuovere
i miei video, ma la campagna che ho creato ha fallito miseramente. Come mai?” Ci possono essere varie ragioni, ma in questo
video voglio descriverti le 3 principali che possono far affondare la tua campagna e bruciare
il tuo budget inutilmente. Ciao sono Paolo e in questo video scopriamo
insieme le 3 ragioni principali per le quali le campagne Google Ads per i video falliscono. Come detto all’inizio, ce ne possono essere
varie, ma queste che ti vado a descrivere tra un attimo sono le 3 più comuni. Darò
per scontato che tu sappia cosa voglia dire creare una campagna di questo tipo. Se non
fosse così ti consiglio di guardare gli altri miei video sull’argomento. Bene partiamo. Il primo motivo è per via di un budget troppo
basso. In molti quando partono giustamente vogliono
testare la cosa per vedere se funziona mettendo un piccolo budget, a volte qualche decina
di Euro. Il ragionamento alla base è corretto: testo con pochi soldi poi verifico e nel caso
aumento l’investimento. Il problema sorge però quando i soldi che
decido di investire sono veramente troppo pochi rispetto alla complessità della campagna
che ho creato. Se hai 10 gruppi di annunci ognuno dei quali
ha un target diverso, e hai impostato un budget per la campagna di 30 euro in totale per esempio,
è improbabile che Google riesca a distribuire quel budget al meglio. Potrebbe capitare che alcuni gruppi di annunci
non ricevano del tutto impressioni, dandoti magari l’impressione sbagliata che il target
che hai scelto in uno specifico gruppo di annunci non è corretto quando invece potrebbe
esserlo. Però così non puoi capirlo. Il secondo motivo per cui le campagne falliscono
è la scelta errata del target. So che sembra scontato, ma spesso il motivo per cui non
si ottengono risultato è dovuto proprio al fatto che i tuoi video appaiono di fronte
a chi non è per niente interessato. Se produci articoli per l’infanzia, è inutile
che i tuoi annunci appaiano di fronte a chi non ha figli, corretto? Bene, capita di vedere
campagne in cui non è stato specificato che il target debbano essere genitori ed è naturale
che le persone senza figli salteranno gli annunci anche un po’ scocciati. Ti ho fatto proprio l’esempio più banale
a cui potessi pensare. Ci sono situazioni meno evidenti nelle quali però il concetto
è lo stesso: il target è sbagliato per il tipo di video che si propone. Quindi prima di far partire la campagna, sarebbe
bene controllare che il target scelto sia corretto e che sia interessato a ciò di cui
andrai a parlare nel video o nei video se fossero più di uno. Il terzo motivo per cui le campagne spesso
falliscono consiste in un video realizzato male. E non intendo solo dal punto di vista
tecnico (cioè l’illuminazione, l’audio, il montaggio ecc). Molto spesso capita anche di vedere video
che non riescono a trasmettere un messaggio che sia chiaro, attraente per chi guarda e
persuasivo. Considera che se usi il formato In Stream
per i tuoi annunci, cioè il video “skippabile”, hai meno di 5 secondi per catturare l’attenzione
e tenere le persone con te. Quei pochi attimi sono fondamentali, così
come lo è il resto del video che oltre che trasmettere un messaggio deve anche guidare
le persone a compiere un’azione. Le parole che usi quindi assumono un importanza
incredibile e non possono essere lasciate al caso.
Devi essere in grado di catturare l’attenzione in pochi secondi e a convincere le persone
a rimanere con te fino a che non spieghi loro qual è il prossimo passo da compiere. Per molti non è facile ed è per questo che
i loro video non portano risultati. Lo studio di materie come il copywriting in questo caso
viene in grande aiuto e te lo consiglio vivamente. Bene, queste sono le 3 ragioni principali
per cui le campagne possono fallire miseramente e portare zero risultati e molta frustrazione. Fammi sapere nei commenti qui sotto cosa ne
pensi, se hai mai commesso uno o più di questi errori e cosa pensi di fare in futuro per
migliorare. Come sempre spero di esserti stato utile.
ti ricordo di iscriverti al mio canale se ancora non l’ha fatto, seguimi anche su
Facebook, visita il mio sito PaoloGrisendi.com e contattami se vuoi scoprire come migliorare
la qualità dei tuoi video e la performance del tuo canale. A presto, ciao!

20 thoughts on “3 motivi per cui le campagne Google Ads per i video falliscono

  1. Ciao Paolo ti volevo chiedere quale Mirrorless mi consigli per fare video? Tu quale usi? Quale obbiettivo mi consigli? Mi serve anche per fare foto!!! Inoltre voglio avere una qualità alta senza spendere cifre esorbitanti. Inoltre vorrei la messa a fuoco automatics tipo quella che sta nei telefoni!

  2. Ciao Paolo, video molto utile, potresti fare un video dedicato ai pagamenti di google ads? Poiché l'anno scorso potevo pagare normalmente con la carta prepagata invece adesso non l'accettano più. È richiesta una carta di credito o un conto bancario. E soprattutto si potrebbe cambiare il metodo di pagamento automatico?

  3. Buongiorno Paolo volevo dirti nn ho raggiunto le 4000 ore di visualizzazione ora si stanno abbassando che succede si possono rifare?

  4. Quanto potrebbe essere un importo accettabile per avere dei riscontri per un piccolo canale che ha poco più di 1000 iscritti? Grazie
    Sempre bello vedere i tuoi video

  5. Mi potresti sponsorizzare per favore ho un canale piccolo si chiama capo tianap ho 600 iscritti faccio canzoni grazie per aver letto il messaggio grazie

  6. Ciao si assolutamente sì ho fatto qualche campagna con un paio di errori……ma grazie ai tuoi video le prossime saranno ben targettizzate e ben settate. Grazie ancora per le dritte 🤩

  7. Ciao paolo come al solito utilissimo! Ma se il mio target fosse rivolto a quante più persone possibili? Cioè a me interessa semplicemente raggiungere più persone possibili al minor costo possibile, cosa consigli?

  8. bravo , beh io penso che uno dei fattori più importanti come scritto in tanti libri di marketing: é la coerenza, tanti sono molto espressivi, comunicatori, sembra che abbiano una forte disponibilità, sovente quando si intraprende un percorso di lavoro, si rivelano l’esatto contrario.! Penso quindi che la coerenza di quello che si vuole trasmettere, é un fondamentale presupposto per dare un servizio di qualità!
    Un video che presto faremo Paolo..!
    ciao 👍🏻💪

  9. Complimenti per il video Ma… ultimamente quello che sta succedendo con YouTube non va assolutamente bene dal punto di vista del rapporto Creators-Youtube. Una dimostrazione è la vicenda di #YouTubersUnion e il tavolo di dialogo che hanno conquistato gli youtubers in Germania grazie anche ai sindacati tedeschi per Discutere infinite zone d'ombra e un rapporto assolutamente poco chiaro e palesemente ingiusto tra i creatori dei contenuti e Youtube. Metto un link di un video molto Utile per i creators, soprattutto per chi come me passa ore e giorni a creare contenuti, quindi Lavora, ma senza nessun tipo di sicurezza, rappresentanza, trasparenza, diritto e cosi via…Vorrei moltissimo che affrontassi anche tu questa questione, perché, ok creare contenuti, ok essere bravi e tutti ottimi consigli che ci dai… ma dal punto di vista legale, economico, di Vita Vera per chi dedica passione e ore di lavoro…bisogna anche combattere per avere diritti, un pò come 100 anni fa facevano i metalmeccanici per i loro diritti, oggi dobbiamo farlo noi in questo Nuovo settore in mano assoluta al "padrone" e noi come suoi schiavi che creiamo contenuti sperando in una elemosina senza nessun diritto chiaro o reale. In Germania lo stanno già facendo, sono certo che questo darà inizio ad un risveglio anche in altri paese, e in Italia???? intanto : ecco il video:https://www.youtube.com/watch?v=ZhNlkOrNLZI...

  10. Paolo vorrei farti una domanda,
    Io ho un canale Youtube,i miei vecchi video hanno delle copertine che non sono mie ma le ho prese da Google, ora mi chiudono il canale per copiright?

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.